Consigli
Consigli per programmatori junior

Guida galattica per programmatori

Frank Vessia
28 ott 2020
Tempo di lettura: 5 minuti, 21 secondi

Ovvero alcuni consigli e metodi per chi vuole diventare programmatore web e non sa da dove iniziare.


Parti sempre dalle basi

Oggi c'è un framework per ogni cosa, dal css (Bootstrap, Tailwind) al javascript (React, Vue),
ma l'errore più comune che si fa all'inzio è proprio quello di inziare ad usare questi framework senza passare dalle basi.
Il mio consiglio è quello di alternare l'uso dei framework con lo studio del codice nativo da cui deriva, che sia javascript, php o css, e questo è un discorso che vale un pò per tutto, avere delle basi solide aiuta sempre, specie a risolvere problemtiche che sicuramente verranno fuori in futuro durante lo sviluppo di applicazioni.

Se sei all'inizio e il mondo della programmazione web ti appassiona, cerca di capire in che ambito vorresti specializzarti, ci sono diversi rami nel settore:

  • sviluppatore front end (generalmente, html, css, javascript)
  • sviluppatore back end (php, python, asp, ruby, ecc...)
  • sviluppatore fullstack (diciamo un mix tra i due precedenti, che può gestire un progetto completo)
  • dev ops (svolge compiti specific anche al di la della programmazione, come configurazione server, version control, testing,sviluppo dei processi, ecc..)

Se dovessi dare un consiglio su quale linguaggio "conviene" imparare, direi senza dubbio che Javascript è uno di quelli fondamentali, anche perchè, grazie alla nascita di alcuni moderni framework come React e Vue, negli ultimi anni questo linguaggio ha ripreso nuova vita ed è sicuramente molto richiesto, almeno per quanto riguarda l'ambiente di sviluppo front end.

Inizia e finisci un progetto

La cosa che ho trovato utile e che ho capito, nel corso degli anni, è che spesso un progetto intero apre le porte a diverse situazioni e ti mette alla prova sotto tanti punti di vista. Scrivere degli snippets, pezzi di codice fini a se stessi, è certamente utile per capire le logiche della programmazione, ma creare un progetto dall'inizio alla fine ti permette di comprendere l'intera architettura di un software o di un sito, mettendo in evidenza tutte le problematiche che si sviluppano e facendoti capire anche come procedere e come analizzare i problemi e le necessità, perchè bisogna sempre ricordarlo che programmare è semplice, basta studiare il codice, ma fare analisi non lo è, capire come risolvere un problema, come ottimizzare una routine, come svolgere delle operazioni nel modo più efficiente, è tutto frutto dell'esperienza, e l'esperienza si traduce nel lavorare a progetti completi, per cui il mio consiglio è quello di studiare realizzando dei progetti per intero, anche semplici ma che siano completi.

Imparare a programmare
Prima risolvi il problema, dopo scrivi il codice – John Johnson

Usa il pomodoro

Non sono impazzito, o per lo meno non ancora, un metodo per creare un flusso di lavoro produttivo, quindi utilissimo se devi studiare un nuovo linguaggio di programmazione è quello di utilizzare il metodo del pomodoro. Il nome è preso in prestito dal mondo della cucina, dove il classico timer era a forma di pomodoro.

Metodo inventato da Francesco Cirillo alla fine degli anni 80 che si traduce con l'impostare dei cicli alternati tra lavoro e pausa, di solito cosi divisi:

  • 25 minuti di lavoro
  • 5 minuti di pausa

Al termine di 4 cicli di lavoro la pausa successiva sarà di 15-20 minuti, per poi azzerare tutto e ricominciare. Questo metodo aiuta a concentrarsi e a distribuire meglio il flusso di lavoro, il discorso è molto articolato, esiste anche un libro a riguardo.
Queata tecnica è utile, e seppure all'inizio sembra macchinosa, con il tempo aiuta a lavorare meglio e ti permette di essere più produttivo, specialmente se lavori per conto tuo e sei facilmente soggetto a distrazioni.

Non è una corsa ma un percorso

Non avere fretta, imparare a programmare non è una cosa che si fa in breve tempo, il tuo cervello ha bisogno di trasformarsi per entrare nelle logiche dello sviluppo di un software o di un sito web, è tutto molto bello poichè ti apre la mente e ti arricchisce ma è una cosa che va assimilata a piccoli passi e che dura diversi anni, se sei davvero convinto di voler programmare allora vedila come un cambio di vita personale, d'altronde è una professione e come tale richiede il suo studio e la sua esperienza, nessuna cosa si fa in fretta, ma non lasciarti scoraggiare, i successi arrivano e nel tempo riuscirai ad affrontare situazioni sempre più complesse.

Commenta sempre tutto

I commenti sono una delle cose più trascurate dai programmatori, un buon codice si nota anche dal numero e dalla qualitò dei commenti che lo accompagnano. Prendi l'abitudine di commentare sempre le funzioni e determinate variabili, non fare l'errore di credere di poter ricordare tutto perchè dimenticherai presto quella routine complessa che hai creato o quella variabile che hai dichiarato e che ora ti stai domandando a cosa mai possa servire. Se esiste la possibilitò di inserire dei commenti all'interno del codice, perchè non dovresti beneficiarne, è gratis!

Il discorso dei commenti si allaccia perfettamente anche al metodo in cui scrivi il codice, non essere disordinato ma adotta un metodo preciso e seguilo, indentazione del codice e scrittura delle variabili sono un esempio, ci sono diversi metodi per scrivere le variabili, per esempio usando gli underscore mia_variabile oppure camelCase o PascaCase, scegli il meodo che preferisci e adottalo sempre.

Studia la mattina presto

E' ormai provato che le ore mattutine sono le più produttive, dopo una bella dormita il cervello e fresco e reattivo. Lo so, ti piace fare tardi la sera davanti al pc,
lo facevo anch'io ma dopo una giornata intensa non è proprio il top mettersi a studiare ancora. Non solo, ma se puoi svegliarti presto e dedicare anche solo un'ora allo studio del codice, non avrai sacrificato nulla della tua giornata e avrai fatto un passo avanti. Questo ovviamente vale se il tuo percorso di studi è autonomo, se hai la fortuna di lavorare e all'interno dell'azienda ti offrono dei percorsi di studio allora il dicorso è diverso.

Fatti aiutare

Oggi molto pià che ieri, trovare aiuto è molto semplice, internet ci permette di accedere a tutto quello di cui abbiamo bisogno, per cui se stai studiando un linguaggio di programmazione o un framework sicuramente ci sarà un forum on un gruppo sui social che parla di quella tematica, iscriviti e ricerca informazioni e aiuto dalla comunity, ma mi raccomando, una buona regola di educazione all'interno di ogni community è che se hai un problema, prima di scrivere cerca se la risposta è già stata data.

Conclusioni


Di seguito ti elenco una serie di corsi di programmazione che potresti pensare di seguire.

Corso Web Developer Full Stack su Udemy

Corsi gratuiti di FreeCodeCamp

Khan Academy